Auto da corsa di Formula 1 analizzate con il know-how del Québec

Auto da corsa di Formula 1 analizzate con il know-how del Québec

 

6/17/22

Pubblicazione originale in francese: Formule 1 – Les bolides sous la loupe du savoir-faire Québécoisdi Julien Arsenault, LA PRESSE (collegamento ipertestuale: https://www.lapresse.ca/affaires/entreprises/2022-06-17/formule-1/les-bolides-sous-la-loupe-du-savoir-faire-quebecois.php) 
 

Jean-Sébastien Blais, ingegnere e Global Expert - Enterprise Solution Deployment di InnovMetric. 
Credito fotografico, Hugo-Sébastien Aubert, LA PRESSE 

Quando si cerca di migliorare le prestazioni di un'auto monoposto di Formula 1, ogni millimetro conta. Per livellare il campo di gioco tra i team, la Fédération internationale de l'automobile (FIA) si è affidata al know-how del Québec. Fin dall'inizio della stagione agonistica, il software di metrologia 3D progettato da InnovMetric ha esaminato le vetture nei minimi dettagli. 

Un lavoro di precisione  

Non è evidente a prima vista, nei paddock dell'autodromo Gilles-Villeneuve, ma dietro una delle tante porte dei garage è presente un punto di controllo obbligatorio per le monoposto da corsa. È qui che vengono esaminate meticolosamente dal team guidato da Nuria Encinas, Commissaria permanente di F1 e responsabile dell'applicazione dei regolamenti. 

"Il nostro compito è assicurarci che non imbroglino", ha detto in un'intervista dai paddock. "Se imbrogliano, è perché non abbiamo fatto un buon lavoro" 

Nuria Encinas ha offerto una visita guidata dell'area a La Presse

Tradizionalmente, la FIA utilizzava modelli fisici (strumenti personalizzati) per misurare manualmente le ali, il telaio, l'altezza da terra e la distanza tra le ruote, per garantire che tutto fosse conforme. 

Queste differenze possono essere difficili da osservare a occhio nudo, ma nella massima categoria degli sport motoristici un errore di un millimetro può cambiare le cose quando si cerca di superare gli avversari in pista. "Non è cosa da poco!", spiega Nuria Encinas. 

L'attuale stagione segna una rottura con il passato. Con tutti i cambiamenti nel campo dell'aerodinamica, la FIA ha deciso di eliminare una volta per tutte le sagome fisiche. Il lavoro di alta precisione è stato affidato a un sensore laser. 

"Ogni vettura è diversa", spiega la Commissaria tecnica permanente della FIA. "Non potevamo avere una sagoma per ogni monoposto. Ora è possibile misurare qualsiasi cosa utilizzando un unico dispositivo di misura 3D e un unico flusso di lavoro." 

Come funziona? 

La FIA ha adottato la piattaforma PolyWorks®, il software di punta di InnovMetric. Questo software consente di eseguire misure ad alta precisione utilizzando un dispositivo 3D. 

Le monoposto vengono stazionate su un elevatore e le loro dimensioni specifiche delle vengono misurate utilizzando numerosi riflettori sferici installati in punti precisi e un laser tracker. Quindi, i dati vengono inviati a un database per essere confrontati con un modello digitale approvato. 
L'obiettivo è garantire che tutto sia conforme entro cinque minuti. 

"È davvero molto semplice per chi lo fa", spiega Jean-Sébastien Blais, ingegnere e Global Expert - Enterprise Solution Deployment di InnovMetric. "Con un computer portatile, PolyWorks e un laser tracker, una sola persona può effettuare le misure e viene generato automaticamente un report di conformità che mette in evidenza eventuali test falliti. Questo è un esempio di ciò che la nostra piattaforma può fare." 

E se durante la stagione si verificano cambiamenti nei regolamenti? Nessun problema, secondo Jean-Sébastien Blais. È sufficiente regolare i dati del software.  

Una connessione naturale 

Come mai la FIA ha scelto PolyWorks di InnovMetric? L'azienda del Québec è molto conosciuta nel settore automobilistico. Le principali case automobilistiche utilizzano già PolyWorks per garantire che varie parti delle autovetture, come ad esempio le porte, siano conformi alle relative specifiche. 

InnovMetric afferma che oltre l'80% dei team di F1 utilizza la sua piattaforma software. 

"Padroneggiando questa tecnologia, quando [le case automobilistiche] hanno una squadra corse, come la Ferrari, è possibile applicarla in diversi modi", spiega Blais. "La FIA ha capito che per essere efficiente aveva bisogno di questo tipo di tecnologia." 

Un apprendimento continuo  

Il Gran Premio del Canada è la nona gara della stagione. In quanto proprietaria di una licenza PolyWorks, la FIA continua a perfezionare il software PolyWorks per adattarlo alle proprie esigenze. Pertanto, si attendono ancora miglioramenti nella misura e nell'esecuzione. 

"Dobbiamo interpretare i dati e capire come funziona tutto", sottolinea Nuria Encinas. "Per questo è più complicato, ma possiamo ottenere molto di più in termini di verifiche." 

InnovMetric si avvale di una rete di filiali e joint venture che operano in tutto il mondo. In caso di problemi, gli specialisti PolyWorks sono quindi rapidamente disponibili. Nella tecnologia, "ci sono sempre degli aggiustamenti da fare", aggiunge Blais.